di Riccardo Magozzi

Cresce l’attesa per la Semifinale di Coppa Italia tra Milan e Juventus. Ventiquattro ore dopo la prima semifinale di Coppa Italia Inter-Napoli, lo stadio Meazza di San Siro sarà teatro della seconda semifinale di andata tra Milan e Juventus. I rossoneri, impegnati in campionato  nella lotta per centrare un posto in Europa League, cercheranno di ottenerlo attraverso la conquista della Coppa Italia. Per i bianconeri di Sarri, invece, l’occasione per riprendersi subito dalla sconfitta di Verona.

COME VEDERE LA PARTITA

La partita sarà trasmessa in diretta in chiaro dalle 20.30 su RAI 1. La gara inoltre sarà visibile in streaming su tutti i dispositivi mobili sull’app di RaiPlay.

I PRECEDENTI

Si ricorda soprattutto il rotondo 4-0 con cui Costa e compagnia distrussero il Milan nella finale di Coppa Italia 17/18, un 4-0 netto e sonoro che ancora evoca pessimi ricorda a Donnarumma e tutti gli addetti rossoneri. Ma andiamo un pochino più nello specifico. Il primo scontro tra Milan e Juventus in Coppa Italia risale alla stagione 1941/1942. Il doppio scontro finisce a favore dei bianconeri che dopo l’1-1 dell’andata si impongono al ritorno per 4-1. Dopo più di 15 anni il secondo scontro tra le due squadre: stavolta, in gara secca, ha la meglio il Milan che vince per 2-1. Gli anni ’70 sono teatro di ben 7 match tra le rivali: 5 le vittorie del Milan contro una sola vittoria della Juventus, completa il bilancio un pareggio. Negli anni ’80 diminuiscono a 5 le sfide nella Coppa Nazionale: 2 vittorie per i torinesi, una per la squadra meneghina e due pareggi. I due incontri della stagione 1990/1991 terminano con un pareggio e una vittoria juventina.

QUI MILAN Pioli intende schierare la formazione migliore per cui ci sarà regolarmente Donnarumma tra i pali, Conti a destra, Theo Hernandez a sinistra, con Musacchio e Romagnoli al centro. In mediana, Kessie e Bennacer, supportati ai lati da Castillejo e Bonaventura, conteso da Rebic. Per Leao chance a gara in corso. In avanti, Cahlanoglu appena dietro Ibrahimovic.

QUI JUVE Sarri ha a sua disposizione un giorno in più di riposo, e non sembra orientato a fare grandi cambiamenti. Eccettuando il portiere, dove Buffon prenderà il posto di Szczesny, ma che è stato suo per anni. Davanti a lui favorita la solita linea a quattro con Cuadrado, Bonucci, De Ligt e Alex Sandro, anche se De Sciglio e Rugani si candidano da titolari. Verso la conferma di massa i tre lì in mezzo (Pjanic, Bentancur e Rabiot), davanti tutto lascia presagire a un Dybala pronto ad affiancare Ronaldo