Maurizio Sarri

Nella vigilia del delicatissimo match tra Juventus e Atalanta all’Allianz Stadium, domani sera alle ore 21.45, Maurizio Sarri ha parlato ai giornalisti invitati nella sala stampa dell’Allianz Stadium della gara contro i nerazzurri di Gianpiero Gasperini.


Dopo la sconfitta per 4 a 2 a San Siro contro il Milan. la Juventus, è attesa sul terreno amico per il delicatissimo match contro l’Atalanta di Gianpiero Gasperini.


Queste alcune battute dell’intervista al tecnico bianconero.


Atalanta: “Come andare dal dentista”

Per descrivere nel modo migliore le difficoltà della gara con l’Atalanta, Maurizio Sarri, cita la frase di Pep Guardiola: “La più bella definizione è quella che diede Guardiola, che disse che è come andare dal dentista. Ne puoi uscire anche bene, ma il dolore lo senti. La DEA all’andata fece 55 minuti di ritmo infernale, buon per noi a segnarle tre gol. Ora, il momento è diverso e penso verrà fuori una partita diversa, su ritmi diversi. E’ una squadra aggressiva, che sa ripartire bene. E’ una partita difficile sotto tutti i punti di vista. Hanno una capacità di strappo importante, da tenere in forte considerazione”.


Ritorno alla gara col Milan

Se la partita con il Milan fosse venuta nella fase iniziale della gara, la priorità era andare alla ricerca delle cause, siccome siamo nella fase finale la priorità diventa fare in modo che non incida in maniera negativa. Come ho detto dopo la gara di San Siro. dobbiamo guardare avanti subito“.


Le condizioni della Juve

Con l’Atalanta, servirà un’altra Juve rispetto alla gara di San Siro. Vorrei vedere continuità, tutte le squadre in questo momento hanno difficoltà di rendimento. Ci vuole ordine. La squadra? Innanzitutto gli acciacchi di Milano sono stati recuperati in questi giorni. Douglas Costa? Lo abbiamo valutato un inserimento importante a partita in corso. Chiellini? Ha bisogno di un recupero più lungo rispetto ad Alex Sandro, che è stato fermo solo 10 giorni.. Higuain aveva 60′ nelle gambe, sta meglio e l’ho visto in crescita rispetto a qualche settimana fa“.


Ph. Giuliano Marchisciano / One + Nine Images