De Ligt stratosferico difensore. Demiral semplicemente devastante. Rabiot ordine e senso del gioco. Ramsey assolutamente indispensabile.Danilo forte laterale difensivo per ricomporre con Alex Sandro una coppia irresistibile. Elementi questi di assoluto valore.

Molta disinformazione annebbia i cervelli e svela indubbia competenza nel settore. Gli interisti ( per lo più tifosi e leoni da tastiera) pensano di aver gabbato la Juve con un giocatore che se Paratici avesse voluto lo avrebbe preso a mani basse. Semplice disturbo come sempre accade dai tempi di Italo Allodi e il nostalgico calciomercato dell’Hotel Gallia in piazza Duca D’Aosta a Milano. Cambiano i tempi e non le ripicchette. Da sempre si sapeva di Lukaku e Dzeko all’Inter e alla fine così sarà. A titolo di semplice cronaca la Juve non ha mai nutrito particolare interesse per un attaccante così ingombrante seppur prorompente e più consono al gioco devastante ma di un elemento dotato di rapidita’, velocità di esecuzione nonché di conoscenza del nostro calcio. Icardi? Sicuramente ha tutte queste caratteristiche ma non ho detto che sarà lui. Anche con Lukaku e Dzeko ( solo se parte Higuain dalla Juve) l’Inter è lontana dai bianconeri mentre sostengo da tempo che il Napoli è più pericolosa dei neroazzurri specie dopo aver cambiato poco e con un pluridecorato Ancelotti che dei suoi secondi anni ne ha fatto sempre la sua arma micidiale. Il mercato entra ora nel suo vivo. iniziamo con Chiesa che non ha chiuso le porte alla Juve. Il neo presidente dei viola fa muro ma la volontà del giocatore arriva prima. Passiamo a due nomi: Pogba suggestivo ritorno e Eriksen talento puro. Per arrivare a Pogba La Juve deve vendere per una questione di plusvalenza in primis e poi l’arma della liquidità per assicurarsi qualsiasi altro giocatore è indispensabile.
Khedira e Mandzukic andranno via.Rugani pure.
Qualcuno chiederà allora:” ma chi arriverà dunque?”.
Occhio ai colpi di scena e sono contemplati anche graditi ritorni ma anche ad inaspettate conferme.