ph Marchisciano / One+Nine Images
Torino 23–04-2017 – Juventus vs Genoa 2016-2017
Nella foto: esultanza bonucci

Dalla sala-stampa di Coverciano, sede del ritiro della Nazionale Italiana, è intervenuto ai microfoni di stampa e televisioni Leonardo Bonucci, stuzzicato sul ritorno alla “BBC” e con Buffon alle spalle e ancora una volta sul burrascoso ed inatteso addio alla Juventus: 

Ritrovare dei compagni di vita e di campo fa piacere come Gigi, Chiellini e Andrea Barzagli. Da oggi ci buttiamo dentro questa avventura in ottica mondiale. La Spagna è la sfida più impegnativa ovviamente: ci sarà da fare una grande partita. La condizione conta fino ad un certo punto: una partita del genere ti da degli stimoli che ti può far sopperire ad alcune mancanze”.

“Ho deciso di lasciare la Juve per scelte che aveva fatto la società. Ci volevano le palle per fare la scelta che ho fatto. Mi hanno detto infame, traditore e mercenario, tre aggettivi pesanti per uno che ha sempre fatto il massimo con la Juve. C’è stato un momento che mi ha portato a fare valutazioni diverse dal club. Siamo andati d’accordo fino alla fine poi, via. Al Milan non sono andato per i soldi. La gente non sa che l’ultimo anno alla Juve ho preso quasi gli stessi. Mi interessa essere ricordato come un vincente, conta la bacheca. Le chiacchiere se le porta via il vento. La difesa della Juve? Anche ai miei ex compagni della Juve rode prendere gol, ma non ero io che facevo la differenza. Se non avessi avuto la fortuna di giocare con Buffon, Barzagli, Chiellini, Dybala, Higuain e tutti loro, avrei potuto fare ben poco”.

Marco Ludovico