DOPO IL CONSULTO DI IERI  A LIONE CON IL PROFESSOR BERTRAND SONNERY*COTTET, SI E’ DECISO PER LA TERAPIA CONSERVATIVA, SCARTANDO L’INTERVENTO RISOLUTIVO E QUELLO PARZIALE.

E’ durata 4 ore la visita di Paul Pogba a Lione, dopo il consulto con il Professore che ha operato anche Zlatan Ibrahimovic, la decisione è stata presa: nessuna operazione. Il francese infatti ha deciso per la terapia conservativa, scartando l’operazione completa e la meniscectomia, ovvero la rimozione della parte lesionata del menisco che avrebbe comportato uno stop tra i 40 e i 60 giorni, ma che sul lungo periodo avrebbe potuto comportare problemi. Quindi per non saltare i mondiali, il centrocampista transalpino ha optato per la terapia conservativa che avrà una durata di 5 settimane; nelle prime si dividerà tra piscina, palestra e fisioterapia, le ultime due settimane invece farà lavoro personalizzato sul campo. Il rientro di Pogba è previsto tra la metà di settembre e l’inizio di ottobre, salterà dunque il big match con la Roma, per ripresentarsi in una delle sfide tra Salernitana, Monza o Bologna il 2 ottobre. Naturalmente la Juventus ritornerà sul mercato per trovare un sostituto, tra i papabili si fa il nome di Leandro Paredes che sembra essere stato richiesto espressamente da Allegri. Vedremo dunque come si evolverà la situazione e chi soprattutto giungerà a Torino nelle veci di Pogba.