De Ligt
Un grande acquisto per la difesa della Juventus, Matthijs De Ligt, si è presentato ai media questa mattina nella sala stampa dell’Allianz Stadium. Il centrale olandese, alla presenza del suo entourage, a parlato con i giornalisti, prima della partenza per Singapore per la tournèe asiatica della ICC – International Champions Cup.

Matthijs De Ligt si presenta ai media nella sala stampa dell’Allianz Stadium. Il difensore centrale olandese, si è presentato per la prima volta ai giornalisti da giocatore bianconero. Presente in sala stampa il suo entourage, insieme al DS Fabio Paratici ed al Vice Presidente Pavel Nedved.


Queste le sue prime parole da giocatore bianconero:

L’esperienza che ho avuto con l’Ajax è stata importante, visto che sono cresciuto in questo club, fin da piccolo. Sono certo che qui, in questo grande club, mi aiuteranno a crescere i tanti campioni che ha la Juve. Quando sono venuto qui a giocare, sono rimasto impressionato dall’atmosfera dell’Allianz Stadium e dai suoi tifosi, che tra l’altro due giorni fa mi hanno accolto con molto calore“.

La decisione di arrivare alla Juve e Cristiano Ronaldo

Le parole di Cristiano Ronaldo durante la finale di Nation League: “Hanno fatto piacere le sue parole. In quel momento volevo solo andare in vacanza, per poi decidere sul mio futuro. In cuor mio avevo già l’idea di arrivare in questo grande club. Ed eccomi qui. Ho fatto un grande passo. Mi ha onorato molto ricevere tanto entusiasmo da parte dei tifosi della Juve. Spero di poter contraccambiare con i risultati“.

Da bambino con la maglia della Juve

Allora pensavo a Fabio Cannavaro di cui sono stato un fan. Un grande campione. Eravamo nel 2006, e lui aveva appena vinto la Coppa del Mondo con l’Italia. Ho tanta ammirazione per lui“.

Su Maurizio Sarri

Avevo parlato con lui per iniziare a conoscerci. Questo è stato uno dei motivi che mi ha spinto a venire qui. Ho sentito parlare benissimo della sua filosofia e di come prepara la linea difensiva. Darò il meglio di me stesso per cercare di accontentare lui e la squadra“.

Sui trofei da vincere (domanda di Marco Venditti)

E’ vero, mi devo adattare ad un nuovo ambiente e ad un nuovo campionato. Spero solo di poter dare il meglio. Ci sono quattro competizioni. Vogliamo vincerle tutte. Questa del resto, è la mentalità della Juve“.

Perchè la tua scelta è ricaduta nella Juve

Il feeling e le sensazioni che mi hanno trasmesso, sono state molto positive. In più l’Italia è famosa per la sua tradizione difensiva. La Juve è un grande passo per me. In Olanda si parla di costruire da dietro, mentre in Italia di marcature e posizioni. Io e la Juve possiamo darci tanto reciprocamente. La pressione è normale nel calcio e per me non è un problema. Sul campo dimostrerò quello che sono in grado di fare“.

Cosa significa per te la maglia numero 4

Indosserò con orgoglio la maglia numero quattro. E renderò onore, a chi l’ha indossata in precedenza. Giocare con giocatori come Chiellini, Buffon, Cristiano Ronaldo, Mandzukic e tanti altri, mi inorgoglisce“.


Matthijs De Ligt

E’ nato il 12 agosto 1999 a Leiderdorp (Olanda). Fin dalle prime prestazioni ha fatto parlare sempre di sé. Cresciuto calcisticamento da bambino nell’Ajax, è diventato professionista nella stagione 2016/2017. Da quel momento ha giocato 117 partite in tutte le competizioni, segnando 13 gol di cui 10 di testa. Nel suo curriculum., 721 palle recuperate, 163 intercettate e 103 contrasti vinti. E di vittorie, arrivate entrambe nella stagione appena conclusa: il trofeo della Eredivisie, e la Coppa dei Paesi Bassi. E’ stato il più giovane giocatore olandese ad essere andato a segno in un match della fase ad eliminazione diretta della Champions League dopo Nordin Wooter nell’aprile 1996. Ha recuperato, nella scorsa stagione europea, 73 palloni: solo Alexander-Arnold (76) e Jordi Alba (80) meglio di lui nel ruolo.

Ph. Giuliano Marchisciano / One + Nine Images