(VALERIA PIOVANO)
CHAMPIONS LEAGUE FEMMINILE: LA JUVENTUS BATTE IL LIONE 2-1 ALL’ALLIANZ STADIUM ED ENTRA NELLA STORIA
Questa volta non è un sogno ma è una splendida realtà: all’ Allianz Stadium la Juventus Women batte il Lione , sette volte campione d’Europa, vincendo in rimonta per 2-1 nell’ andata dei quarti di finale di Champions League grazie alle reti di Girelli e Bonfantini e si regala un’altra notte europea piena di sogni e di consapevolezza di essere ormai diventata una squadra di livello europeo.
Davanti agli occhi di più di 9000 spettatori le ragazze di coach Montemurro, battendo un’avversaria che sulla carta poteva contare su giocatrici con maggior esperienza internazionale, hanno realizzato una grandissima impresa scrivendo un’ altra storica pagina per il club.
Coach Montemurro schiera la sua squadra con un 4-3-3, con Peyraud Magnin tra i pali, Lundorf, Gama, Sembrant e Boattin sulla linea difensiva, Rosucci, Grosso e Pedersen a centrocampo e in attacco Hurtig, Girelli e Cernoia.
Al secondo minuto di gioco Hurtig non sfrutta un errore difensivo di Renard e spreca un’occasione d’oro tirando fuori da due passi. Poco dopo, al minuto 8, il Lione passa in vantaggio: su cross di Bacha, Macario anticipa di testa Gama e infila in rete la palla che vale l’1-0.
Sulle ali dell’entusiasmo per il vantaggio acquisito, il Lione continua a spingere e a rendersi pericoloso, soprattutto al 35′ con Malard che, dopo aver superato l’estremo difensore bianconero Peyraud- Magnin, tira a botta sicura verso la porta ma Girelli salva sulla linea: l’arbitro fischia un fuorigioco dubbio e la Juve tira un sospiro di sollievo, ma il salvataggio del bomber bianconero è pazzesco.
Il primo tempo finisce 1-0 per il Lione che nel complesso ha dominato sulla Juve, mettendo più volte a dura prova la difesa bianconera.
La ripresa si apre senza cambi e senza grandissime emozioni fino al 62′: Cernoia ruba palla a centrocampo a Carpenter e si invola verso la porta, ma viene abbattuta dalla giocatrice del Lione che commette fallo da ultimo uomo ed è costretta ad abbandonare anzitempo il campo. Subito dopo Cernoia si esalta e prova il tiro di mancino, ma prende in pieno la traversa.
Al 71′ finalmente la Juventus trova il gol: Lundorf crossa in mezzo all’area, il portiere lionese Bouhaddi non trattiene la palla e Girelli respinge prontamente in rete siglando il gol del pareggio.
Montemurro non si accontenta però del pareggio e manda in campo Bonfantini per un’esausta Girelli: l’ex attaccante della Roma ripaga pienamente la fiducia del mister, segnando dopo solo due minuti dal suo ingresso in campo su assist di Caruso.
Il Lione prova a reagire, ma è la Juventus a sfiorare il 3-1: in contropiede Bonansea riceve un ottimo pallone ma spreca una buona occasione da rete.
Dopo sette lunghissimi minuti di recupero l’arbitro fischia la fine della partita ed esplode la festa all’Allianz Stadium: nella gara di ritorno prevista il 31 marzo al Parc OL di Lione ci sarà da lottare e da stringere i denti per mantenere il vantaggio conquistato all’andata, ma sicuramente le ragazze della Juve daranno tutto per riuscire a passare il turno e volare in semifinale.