Ieri sono stati effettuati i sorteggi di Champions League tra mille polemiche, gli accoppiamenti originari sono stati stravolti per colpa di un software ( Uefa dixit ) che a detta dei vertici dell’organizzazione calcistica europea ha fatto i capricci. Pensiamo invece piuttosto ad incapacità di chi avrebbe dovuto garantire la regolarità dei sorteggio ed è incappato in una brutta figura a livello europeo. Ma lasciamo da parte queste questioni poco edificanti e concentriamoci sui nostri prossimi avversari del Villarreal che affronteremo nella gara di andata allo stadio De La Ceramica martedì 22 febbraio alle 21, con il ritorno fissato per mercoledì 16 marzo sempre alle 21.00

Vediamo adesso come gli spagnoli sono arrivati agli ottavi di finale di questa edizione della Champions; si sono qualificati come secondi nel girone F alle spalle del Manchester United, eliminando l’Atalanta andando a vincere a Bergamo nell’ultima partita per 3-2 e quindi staccare il pass per gli ottavi. Il Villarreal ha dunque concluso con 10 punti, frutto di 3 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte , avvenute contro lo United di Cristiano Ronaldo.

Sulla panchina del sottomarino giallo ( soprannome della squadra iberica ) siede Unai Emery, ovvero il re di coppe, chiamato così per essere riuscito a vincere l’Europa League per quattro volte, tre delle quali consecutive con il Siviglia 2014, 2015 e 2016 e lo scorso anno battendo il Manchester United ai calci di rigore nella finale di Danzica. Primo trofeo internazionale per il club iberico anche se ad onor del vero ci sarebbero pure due coppe Intertoto nel 2004 e 2005.

Per quanto riguarda i giocatori, tra i più talentuosi e di esperienza possiamo citare su tutti Raul Albiol e Dani Parejo, rispettivamente il perno della difesa e il faro in mezzo al campo, ma bisognerà fare molta attenzione anche ad Arnault Danjuma, il 24enne olandese di origini nigeriane si è messo in luce nel 3-2 contro l’Atalanta con una doppietta. Stiamo parlando di un giocatore che nel girone eliminatorio di Champions ha messo a segno 4 reti in 6 partite, si tratta di un calciatore molto rapido e bravo ad attaccare la profondità, inoltre è molto bravo nell’uno contro uno anche contro giocatori forti fisicamente.

Il modulo preferito con cui gioca il Villarreal è un 442 classico che, in fase di possesso può cambiare in 2431 o anche 443 durante la ripresa del gioco da parte del portiere, mentre in fase di non possesso è solito attuare il 442.

Sicuramente per la Juventus non sarà una passeggiata, ma siamo sicuri che il tasso tecnico della rosa sia superiore a quella degli spagnoli, anche se il Villarreal sa essere una squadra tignosa e, soprattutto davanti ai propri tifosi può essere insidioso. Inoltre sicuramente le ultime eliminazione dalla Champions per la Juve, fungeranno da rivalsa, per cui siamo convinti che il passaggio del turno si potrà ottenere a patto di giocare una partita fatta di concentrazione, umiltà , tecnica e soprattutto lottare su ogni pallone fino al fischio finale. Avanti quindi verso la vittoria e come sempre #FINOALLAFINEFORZAJUVENTUS.