(GIAN LUCA FEO)

 

IN COPPA ITALIA SFIDE A SUON DI GOL

 

In vista della sfida di Coppa Italia che si disputerà questa sera con inizio alle ore 21:00 all’Allianz Stadium (per la prima volta) contro la Sampdoria, abbiamo voluto ricordare i momenti salienti di queste sfide tra le due squadre caratterizzate ad una prima analisi, nei 9 precedenti incontri, da due dati che saltano all’occhio: il gran numero di gol, ben 28 complessivamente le reti realizzate dalle due squadre, e la netta supremazia bianconera con 8 vittorie 1 sconfitta e nessun pareggio.

 

LA PRIMA VOLTA

 

Le due compagini si affrontarono per la prima volta nel 1958 in gara unica valevole per l’accesso alle semifinali del torneo; nel match di Marassi è la Juventus ad imporsi con un 2-3 solo ai tempi supplementari in una gara tirata e dall’esito incerto e successivamente i bianconeri conquistarono la terza coccarda tricolore superando l’Inter con un perentorio 4-1 nella finale di S.Siro.

 

ALL’ULTIMO RESPIRO

 

L’anno successivo le due squadre si affrontano nuovamente in gara secca (esattamente come succederà martedì sera all’Allianz Stadium) valevole per l’accesso ai quarti di finale; la partita è molto simile a quella dell’anno precedente, molto tirata e risolta da Carlo Mattrel e Bruno Nicolè, assoluti protagonisti della sfida. La Juve si presenta da campione uscente e determinata a bissare il successo ed inizia il proprio cammino a Torino proprio contro la Sampdoria. Ne esce fuori una gara vibrante con un 4-4 nei primi 90 minuti. A decidere la qualificazione è Nicolè con una rete nei supplementari. Anche questa edizione fu vinta da Madama che si impone nella finale disputata sempre al Meazza al cospetto della Fiorentina per 3-2 nei tempi supplementari.

 

ANCORA NICOLE’

 

La terza volta in cui si incrociano le due squadre in Coppa Italia è nella stagione 1960-1961 ed al Luigi Ferraris di Genova Sampdoria e Juventus si affrontano per conquistare l’accesso alle semifinali. In questa occasione partita senza storia con la Vecchia Signora che si impone con un perentorio 0-2 con doppietta del solito Nicolè autentico mattatore della gara. Alla fine del torneo la Juve si classificherà al terzo posto.

 

TRIPLO ROMEO

 

Nella quarta sfida disputata nella stagione 1968-1969 in un torneo che ha cambiato formula con l’adozione di una prima fase a gironi la Juventus si impone nuovamente al Comunale, ed a suon di gol, sulla Samp con Romeo Benetti autore di una tripletta nel 5-0 finale. Benetti ha vestito la maglia bianconera in due decenni diversi. Dopo la sua prima esperienza in bianconero, il giovane centrocampista andrà proprio nella squadra ligure dopo un anno trascorso a Torino, per poi farvi ritorno nel 1976.

 

UNA SIGNORA JUVE

La sfida successiva si gioca nel settembre del 1971 in un match disputato al Comunale e vinto dai padroni di casa per 3-1 con reti di Capello, Marchetti e Anastasi: da segnalare che sulle pagine di Hurrà Juventus venne evidenziato come la squadra sia stata brava a portarsi su un doppio vantaggio e a gestire il risultato nell’ultima mezz’ora, vista l’afa che contrassegna la serata torinese.

 

TRE LUSTRI DOPO

 

Ci son voluti ben 15 anni prima di rivedere le due squadre affrontarsi in Coppa Italia e questa volta in un match tiratissimo giocato a Marassi il 7 settembre 1986 è la Sampdoria (per la prima volta ) ad avere la meglio sulla squadra bianconera allenata all’epoca da Rino Marchesi. La sfida fu combattuta ma la grande Samp di Boskov si impose per 2-1 con Scirea che risponde al doppio vantaggio blucerchiato firmato da Vialli e Mannini.

 

IN ZONA DE AGOSTINI

 

Quattro anni dopo si gioca di mercoledì pomeriggio esattamente il 24 gennaio del 1990, ultimo anno di vita dello stadio Comunale. La Juve supera 2-1 la Sampdoria e accede al turno successivo non senza difficoltà. Nel primo tempo, al vantaggio di Marocchi risponde Katanec. Solo a 3 minuti dal termine i bianconeri trovano la via del gol grazie al rigore calciato da De Agostini: Pagliuca intuisce, ma non riesce a intercettare il tiro.

 

SETTE RETI TRA ANDATA E RITORNO

 

Ed undici anni più tardi nella stagione 2001-2002 che le due squadre si affrontano per l’ultima volta prima di questa sera Anche in questo caso siamo agli ottavi di finale, ma all’epoca si disputavano con andata e ritorno. Passano i bianconeri, che a Torino piegano gli avversari 5-2 dopo avere già vinto 2-1 a Genova. I marcatori sono Maresca, Ferrara, Zalayeta  e Amoruso, autore di una doppietta”.

 

Insomma come detto in premessa, i presupposti per assistere ad una partita spettacolare ci sono, ora non resta che passare la parola ai protagonisti che dovranno dimostrarsi all’altezza della situazione e considerando che trattasi di gara secca anche in questa sfida.

#finoallafineforzajuventus #occhiditigre  #precedenti #juvesamp #signoramiacalcionews