(FILIPPO VAGLI)

FiloBianconero racconta Michel Platini… Le Roi.

 

Diventare un calciatore professionista, un campione che sfonda le reti, facendo innamorare migliaia e
migliaia di tifosi e tifose in ogni angolo del mondo regalando emozioni è il sogno di ogni piccolo sportivo. La
fantasia che diventa benzina, il propellente indispensabile al motore della passione per marciare a pieni giri.
Ecco perché più che un diritto sognare dovrebbe essere un dovere. E quando si esercita l’arte onirica la
cosa migliore è di farlo in grande, il più in grande possibile. Esattamente ciò che accadeva ad un giovane
francese di nome Michel che non solo sognava di fare il calciatore ma che fantasticava di diventare Pelé, il
più grande di sempre. Bramava talmente in grande che quando si recò a ritirare la sua prima carta
d’identità chiese all’impiegato comunale se alla voce “professione” fosse possibile indicare “calciatore”. Fu
suo padre, grande appassionato di football, a mettergli il pallone fra i piedi fin dalla più tenera età. I genitori
hanno il dovere di sostenere i sogni dei propri figli standogli accanto, fornendo loro sicurezza, protezione e
mettendogli a disposizione tutti i possibili strumenti per consentir loro di poter realizzare i propri obiettivi.
Aldo Platini, papà di Michel, era un professore di matematica ma ancor prima un calciatore mancato
essendo stato un discreto libero per poi diventare allenatore dei dilettanti dello Joeuf. Papà Platini fu anche
il primo mister dell’undicenne Michel quando quest’ultimo passò a correre dietro ad un pallone in terreni
erbosi anziché nello spiazzo duro e polveroso posto dirimpetto al bar del nonno Francesco. Di origine
Italiane quest’ultimo, della provincia di Novara. Un muratore che andò a cercare fortuna oltralpe insieme
fratelli e sorelle sistemandosi proprio a Joeuf, dove negli anni successivi nacquero il padre di Michel e la
sorella Martina. Jouef, un paese di minatori a cinquanta chilometri da Nancy. Nebbia, fuliggine, case grigio
scuro e strade di color pece. Francesco Platini fu uno di quei migranti italiani che riuscirono a fare fortuna.
Lavorò venti ore al giorno per mettere da parte i franchi francesi necessari per aprire un bar, «Le Café des
Sports» di Joeuf. Un locale che straripava di italiani, quelli che erano arrivati in Francia dal bel paese proprio
come nonno Francesco per sbarcare il lunario, spaccandosi la schiena nelle rigogliose miniere della regione.
Una famiglia ammirevole quella dei Platini, composta da onesti lavoratori e capace di garantire al giovane
Michel un’infanzia serena, fatta di famiglia, libertà, pallone, strada e bar del nonno nel quale si giocava a
scopa e si parlava di calcio. Michel eccelleva in ogni sport ma era decisamente meno bravo a scuola dove fin
dall’elementari si fece notare per il caratterino ribelle così come per il moto perpetuo che lo permeava. A
dodici anni papà Aldo lo portò a vedere il grande László Kubala, che proprio in quegli anni dispensava le
ultime pennellate della sua straordinaria classe sui terreni verdi francesi. Michel venne letteralmente rapito
dalla classe dell’attaccante ungherese di origine slovacca e da quel giorno lo elesse a suo modello. Grande
giocatore il magiaro, trentaduesimo nella speciale classifica dei migliori calciatori del XX secolo pubblicata
dall’IFFHS nel 2004 e al contempo più “umano” e raggiungibile rispetto al Dio del calcio Pelé. Michel però
non diventerà mai né come Pelé né come Kubala. Nel suo Karma era scritto che dovesse diventare Michel
Platini e basta. Unico e irripetibile, proprio come lo sono tutti i fuoriclasse nel loro modo di essere artisti
della pedata. Platinì cresceva poco a differenza dei suoi coetanei al punto da venire soprannominato “le

nain”. Poco fisico ma tanto talento, con papà Aldo che per consentire a Michel di poter esplodere tutte le
sue doti lo faceva palleggiare a piedi scalzi sulla spiaggia di Perros Guirec, in Bretagna, scimmiottando i
calciatori brasiliani che proprio attraverso quel tipo di esercizio eseguito sulle spiagge di Copacabana e di
Ipanema diventavano funamboli del pallone. Fino a quando tutto d’un colpo, in solo dodici mesi, il
quattordicenne Michel ammucchiò dieci centimetri d’altezza. Levatura antropometrica che gli consentì di
presentarsi nel maggio del 1969 ad un provino per selezionare i migliori giovani calciatori francesi. Esame
non risultò particolarmente entusiasmante, per usare un eufemismo. Esattamente come accadde tre anni
dopo quando all’allora diciassettenne Platini fu diagnosticata una modesta capacità polmonare che parve
sbarrargli la strada verso il calcio dei grandi. Ma così non fu e nel 1972 Michel Platini firmò il suo primo
contratto da professionista con il Nancy. 1972, l’anno in cui Bill Gates e Paul Allen fondarono la Traf-O-Data,
azienda che nel tempo diventerà la Microsoft e anno che diede il via alla «vie en rose» per il campione
francese. Nancy, l’incantevole cittadina di poco più di centomila abitanti situata fra le colline del nord-est
della Francia, che Michel ricorderà per sempre con occhi lucidi e voce tremante. Nancy con il suo Stade
Marcel-Picot nel quale Michel iniziò ad esercitarsi con quelle sagome in legno attraverso cui perfezionò uno
dei suoi principali marchi di fabbrica: il calcio di punizione a scavalcare la barriera. Nancy nella quale Platini
debutto in prima squadra il 3 maggio del 1973 in un Nancy-Nimes che si concluse con il risultato di 3-1 da
cui prese il via la sua leggendaria carriera. Nancy che più che una squadra era una sorta di grande famiglia
nella quale interpretare la professione di calciatore rappresentava più un divertimento che un mestiere. In
quell’ambiente sano e dal sapore rurale Michel divenne uomo. I muscoli erano sempre quelli, nulla di che,
tanto che ad osservarlo bene non pareva proprio un atleta. Ma i piedi e il cervello erano magici. Due
attributi che o li hai o non li hai e che nessuno ti può insegnare. Il “mingherlino” Michel conquistò l’affetto
dei tifosi così come l’attenzione degli addetti ai lavori e la Coppa di Francia nella stagione 1977/’78.
Controllo di palla perfetto e un piede destro capace di esecuzioni sopraffine le specialità della casa. Con la
caviglia destra che fu croce e delizia per tutta la carriera di Platini. Croce a causa dei dolori continui che gli
procurava causa una frattura patita da giovane mal curata. Delizia grazie al piede che, essendo rimasto
lievemente aperto una volta recuperato dall’infortunio, andava a creare un angolo innaturale ma capace di
consentirgli di dare quel particolare effetto al pallone che gli consentiva di battere le punizioni alla sua
maniera. Coppa di Francia edizione 1977/’78 che rappresenterà l’ultimo trofeo di Platini a Nancy dal
momento che il St. Etienne, in quegli anni il club di riferimento del calcio transalpino, lo acquistò dopo
l’ottimo mondiale di Argentina ’78. Rassegna intercontinentale attraverso cui Platini si fece conoscere dal
grande pubblico anche fuori dai confini nazionali. Indossando la casacca verde del Saint Etienne Platini
vincerà lo scudetto nella stagione 1980/’81 da leader indiscusso. L’intera Francia era ai piedi di quell’ex
ragazzino diventato uomo. L’Inter di Fraizzoli gli mise alle calcagna uno dei suoi ministri degli esteri, Giulio
Cappelli, che approfittando dell’ammirazione che Platini nutriva nei confronti di Sandro Mazzola (uno dei
suoi idoli d’infanzia) gli fece firmare un precontratto. Preliminare che non fu mai rettificato. Prima, a causa

del blocco delle frontiere, norma che non consentiva ai club italiani di tesserare calciatori stranieri. E poi,
una volta aperte le “dogane” del calcio a causa dell’alone che contornava Platini con tanti che lo
dipingevano come un giocatore fragilissimo con le caviglie di cristallo. Rumors che veri o meno che fossero
poco importavano al grande pubblico dal momento che quando il francese si trovava in mezzo al terreno
verde dipingeva calcio. Il brutto anatroccolo era diventato cigno. Un calciatore che senza possedere quel
fisico statuario dei più grandi della pedata era diventato un campione. Celeberrimi gli scontri tra Platini e la
maggior parte dei suoi allenatori di quei suoi primi anni nel calcio francese, con i vari tecnici che lo
vedevano come un “nove” mentre lui si sentiva un “dieci”. Un califfo del centrocampo, di quelli che partono
da lontano e oltreché far girare la squadra e dispensare assist ai propri attaccanti, sono capaci loro stessi di
inserirsi in area di rigore e segnare come i più prolifici centravanti. Michel Platini diventò una favola vivente
e le sue gesta arrivarono anche in Italia. Paese quest’ultimo che per Platini rappresentava qualcosa di più
che una nazione come le altre, grazie alle reminiscenze delle vacanze estive piemontesi trascorse a casa dei
parenti rimasti in Italia. Il grande psicanalista Carl Gustav Jung nel 1952 introdusse il concetto di
sincronicità, secondo cui la maggior parte degli eventi più significativi della nostra vita accadono per una
ragione. In altre parole, nulla accade per caso. Così come non fu un caso che comodamente seduto in
poltrona ad assistere in TV a Francia-Italia del 23 febbraio 1982, vi fosse un grande appassionato di calcio,
l’Avvocato Gianni Agnelli, estroso studioso di football, perennemente fanciullo, appassionato d’arte e di
tutto ciò che era bello. Platinì quella sera al Parco dei Principi mise in mostra un calcio sontuoso e
l’Avvocato, che ne intuì il genio, se ne innamorò fino a volerlo fortissimamente per la sua Juventus convinto
che Platini fosse il giocatore perfetto per marciare sull’Europa oltrechè che per continuare ad essere
padroni in Italia. Se ne interessò quella sera stessa e quando e scoprì che Platini era in procinto di firmare
per i Racing Club di Parigi, telefonò direttamente al proprietario del club, Jean-Luc Lagardère, padre della
casa automobilistiche francese Matra chiedendogli di fare un paso indietro riguardo all’acquisto del talento
francese. Cosa che l’imprenditore francese fece. Un minuto dopo Agnelli ne parlò con Boniperti e con
Trapattoni, trovandoli d’accordo con la sua idea. La Juventus, la Signora del calcio, stimava questo dieci
francese e lo voleva, a tutti i costi. Fu così che dall’Ufficio di Giampiero Boniperti partì la telefonata a Platini,
che non solo era già stato contattato dal Racing Club di Parigi, dal Real Madrid, dal Bayer Monaco e
dall’Inter ma soprattutto dal club inglese dell’Arsenal che lo aveva già incontrato in un Hotel di Saint
Etienne, con i Gunners che si erano convinti di averlo già portato a Londra. Michel, incuriosito da quella
telefonata partì sottotraccia alla volta di Torino accompagnato da Bernard Genestar, professionista che
nell’epoca in cui non esisteva la figura del procuratore ne curava comunque degli affari. Nella sede dei
bianconeri ad attenderlo c’era Giampiero Boniperti. Sette ore di durissima trattativa con l’osso duro
piemontese che a tempo di record riuscì a chiudere l’operazione pagando il cartellino di Platini
centoquarantotto milioni di litre. Una cifra importante per quegli anni ma si sa, l’aspetto finanziario per
l’Avvocato ha sempre rappresentato l’ultimo dei pensieri quando desiderava veramente qualcosa o

qualcuno. E Platini rappresentava il perfetto correlato all’idea di calcio dell’Avvocato: divertimento,
efficienza, efficacia, spontaneità. Con l’unica e irripetibile capacità di Michel di affrontare il football con la
stessa eleganza, spensieratezza ed ironia con cui andrebbe fronteggiata la vita terrena. Operazione che
lasciò esterrefatti i più grandi club europei che avevano offerto al giocatore ingaggi nettamente superiori a
quelli offerti dalla Vecchia Signora. Con Platini che, ammirato dallo stile del presidente juventino e dalla sua
abile risolutezza si era convinto che non vi fosse luogo migliore per giocare al calcio che l’Italia. Paese
quest’ultimo che, rappresentando l’origine dei suoi nonni, nativi di Agrate Conturbia, un piccolo centro del
Novarese, emanava in lui grande fascino. C’era un solo problema da risolvere per mettere sotto contratto
Platini. Il numero di stranieri che ogni squadra poteva ingaggiare: due. Con il club piemontese che aveva già
acquistato da alcuni mesi il polacco Zibì Boniek e aveva già in casa l’ottima mezzala irlandese Liam Brady.
L’ultimo giorno utile per tesserare il secondo straniero per la stagione 1982/’83 era il 30 aprile 1982, con la
Juventus in piena bagarre scudetto impegnata in un testa a testa all’ultimo sangue con la Fiorentina di
Picchio De Sisti. Fu così che Boniperti a tre giornate dalla fine del campionato fu costretto a sacrificare
l’irlandese prelevato dall’Arsenal soltanto due anni prima per far spazio alla stella francese. Liam Brady che
oltre ad essere quel buonissimo calciatore che tutti avevano ammirato sul terreno di gioco si rivelò uno
straordinario professionista dal momento che, pur consapevole di essere stato scaricato da Madama, giocò
le ultime partite della stagione senza alcun calo di rendimento ma soprattutto realizzando il 16 maggio
1982, nell’ultima decisiva partita di Catanzaro il rigore che valse alla Juventus vittoria e scudetto. Michel
arrivò in Italia nell’estate del 1982 con la moglie Christele e sue due bimbe, piazzandosi in un’accogliente
villetta sulla collina di Torino, dopo aver firmato un contratto per due anni con opzione su un terzo anno. Si
sa quanto siano impattanti le fatiche di un Mondiale nelle sorti della stagione successiva e il Mundial di
Spagna ’82 aveva scaricato le pile ai tanti bianconeri che vi avevano preso parte, Platini compreso. Con il
transalpino alle prese sia con l’inserimento tecnico e ambientale in un calcio diverso dal suo che con le
gelosie dei compagni che anziché chiamarlo Michel lo chiamavano “il Francese”. Tutto ciò aggravato dalla
fastidiosa forma di pubalgia che da tempo attanagliava Michel impedendogli di rendere al massimo. Una
serie di elementi che non resero particolarmente limpida l’alba della sua prima esperienza nel nostro
paese. Il primo gol “italiano” Platini lo segnò il 22 agosto 1982 in un Juventus Pescara di Coppa Italia con
una realizzazione di pregevole fattura. Pallonetto a scavalcare i difensori e tocco finale al volo d’esterno
destro a beffare il portiere degli abruzzesi. Con destino opposto il suo esordio in campionato che vide i
bianconeri sconfitti inaspettatamente per 1-0 dalla neopromossa Sampdoria. Platini quel giorno fu il
peggiore in campo a differenza dell’irlandese Liam Brady, autore di una grande partita dopo essere stati
giubilato solo pochi mesi prima da Madama proprio per far posto al fuoriclasse transalpino. Platini che fu
autore di prestazioni in grigio scuro anche nelle gare successive con la critica che non esitò a metterlo sul
banco degli imputati. Più di un addetto ai lavori iniziò a parlarne come di un lusso che la Juventus non
poteva permettersi. E persino il Presidente nerazzurro Ivanoe Fraizzoli manifestò apertamente la propria

contentezza per aver lasciato cadere l’opzione per l’acquisto del francese dichiarandosi al contempo
entusiasta dell’arrivo in terra meneghina della mezzala teutonica Hansi Müller. La realtà era ben diversa. I
segni lasciati dal mondiale appena terminato avevano mandato in tilt l’intera Juventus, con la squadra che
stava offrendo un rendimento nettamente inferiore alle attese. Anche i fuoriclasse soffrono e Platini
consapevolizzò fin da subito che la sua avventura nella nostra serie A non sarebbe stata una passeggiata di
salute. Così come è possibile che qualche pensiero di mollare tutto e tornare nella comfort zone
rappresentata dal Saint Etienne transitò nella testa del francese. Ma Michel è un orgoglioso, e il ritorno in
Francia sarebbe stato per lui una grave sconfitta. Non roba per lui. Pur nervoso, al punto da arrivare a
litigare con mister Trapattoni accusandolo di mettere in campo la squadra con un atteggiamento troppo
attendista, si rifugiò nel lavoro riesumando gli anni dell’adolescenza quando si allenava con razioni doppie
per supplire a ciò che madre natura non gli aveva concesso. Contestualmente si rivolse ad un luminare
dell’ortopedia per curare la pubalgia e non appena quest’ultima incominciò a mollare la presa incominciò a
tutti a far vedere chi era il vero Michel Platini. La sua rinascita fu merito anche di una felice intuizione di
Trapattoni che tolse le chiavi del centrocampo a Beppe Furino (sostituendolo con il giovane Massimo
Bonini) consegnandole proprio a Platini. Anche se in realtà voci maligne sussurrarono che fu solo grazie
all’intervento dell’Avvocato Agnelli in persona che la regia bianconera venne messa nei sapienti piedi del
francese. Quel che è certo è che Agnelli aveva una vera e propria venerazione per lui. Il giocatore che, forse,
più di ogni altro, ha amato per la bellezza del suo calcio di cui apprezzava la classe, la velocità di pensiero,
l’astuzia e non per ultima la sua capacità di ironia in campo e fuori. Nel girone di ritorno della sua prima
stagione sotto la Mole ci fu lo switch. La pubalgia stava diventando solo un ricordo, il morale era risalito e
Platinì cominciò a pilotare la sfera di cuoio con i suoi proverbiali lanci di settanta-ottanta metri, così come a
dirigere i suoi compagni di squadra promulgando il suo calcio. E, particolare non trascurabile, a segnare. Di
piede, di testa, al volo, su punizione, dagli undici metri, di forza così come di scaltrezza con la maggior parte
degli addetti ai lavori che posizionarono Platini tra i più grandi di sempre alla pari di fuoriclasse quali Pelé,
Eusebio, Beckenbauer, Cruijff, Di Stefano. Così fu che, con quattordici reti in nove partite, diventò
capocannoniere trascinando la Juventus alla finale di Coppa dei Campioni di Atene contro il modesto
Amburgo, gara in programma il 25 maggio 1983. Giorno che vide muoversi dall’Italia per la capitale ellenica
oltre sessantamila tifosi di Madama per assistere ad una delle più clamorose debacle bianconere con una
Juve irriconoscibile, mai in partita che fu battuta per 1-0 da un goal di Felix Magath. Dopo Atene arrivò il
secondo switch di Platini che, avendo capito tutto della Juventus e del calcio italiano, inanellerà
un’incredibile striscia di vittorie convincendo tutti e lasciando la sua inconfondibile importa in ogni gara.
Coppa Italia contro il Verona segnando due goal, e Mundialito per club a San Siro furono i prodromi di una
stagione bianconera 1983/’84 giocata da assoluto protagonista. Stagione che vide un ampio rinnovamento
operato da Giampiero Boniperti. Fuori i grandi vecchi Zoff, Bettega e Furino e dentro Stefano Tacconi,
Domenico Penzo e Beniamino Vignola. Con Platini che non solo si aggiudicherà il suo primo scudetto

italiano ma bisserà il titolo di capocannoniere, vincerà il suo primo Pallone d’Oro e a Basilea, il 16 maggio
1984, conquisterà insieme ai suoi compagni la Coppa delle Coppe superando per 2-1 il Porto. Nella stagione
successiva, 1984/’85, magra la pesca in campionato con la Juventus che si classificò al sesto posto, fallendo
anche la qualificazione in Europa. Cu furono però anche note liete rappresentate proprio da Platini che per
la terza volta consecutiva si laureò capocannoniere della serie A con diciotto reti e dal cammino in campo
Internazionale. Vittoria della Supercoppa UEFA contro il Liverpool il 16 gennaio 198, al Comunale di Torino
con Le Roi che portò per mano Madama alla terza finale europea in tre anni. La finale di Coppa dei
Campioni, contro il Liverpool, in programma all'Heysel di Bruxelles, il 29 maggio 1985. Una serata di festa
che si tradusse in uno dei peggiori drammi dello sport mondiale con i suoi 39 morti e oltre 200 feriti a causa
della follia assassina degli hooligans inglesi. Un’ora circa prima del fischio d’inizio della gara stessa la parte
più facinorosa della tifoserie dei Reds si spinse verso il tristemente famoso settore Z occupato da pacifici
tifosi bianconeri che, costretti ad arretrare, si ammassarono contro il muro di contenimento della fatiscente
struttura belga causandone il crollo. Il risultato finale fu quello di 39 persone che nel tentativo di cercare
una via d'uscita dalla furia omicida di quei delinquenti d’oltre Manica vennero schiacciate, calpestate e
uccise. Quella sera si giocò comunque. Forse fu l’unica scelta possibile per prevenire disastri ancor più gravi.
Platini segnò il gol vittoria su calcio di rigore ma da quella sera dentro Michel si spense qualcosa con il
campione transalpino che uscì con l’anima sfregiata da quell’esperienza. A stagione ultimata Platini partì
per le vacanze con il disgusto per quello sport che tanto aveva amato fin da bambino. Demoralizzato,
abbattuto, in crisi, bisognoso di staccare la spina e di interrogarsi sul significato di ciò che erra accaduto in
quella maledetta serata fiamminga. Nell’estate del 1985 fece ritorno a Torino per unirsi ai compagni per il
ritiro di Villar Perosa ma con poca voglia di calcio e a stagione iniziata annunciò al mondo intero il suo
malessere parlando apertamente di voglia di ritirarsi pur avendo solo trent’anni. Perderà smalto a livello
realizzativo ma l’8 dicembre 1985 a Tokyo, segnando il calcio di rigore decisivo, vincerà con la Vecchia
Signora la Coppa Intercontinentale al termine di una straordinaria partita contro l’Argentinos Juniors.
Trofeo che gli rimboccò il serbatoio della serotonina portandolo a vincere il terzo pallone d’oro, a condurre
Madama al suo ventiduesimo scudetto e a rinnovare il contatto con la Juventus rinunciando alla corte di
Milan, Napoli così come di quella dei principali club europei per la gioia di tutto il popolo bianconero.
Contratto siglato prima di apprendere che Giovani Trapattoni, il tecnico con cui Michel aveva creato un
legame capace di fare le fortune della Juventus, aveva deciso di ascoltare le sirene nerazzurre trasferendosi
sulla panchina dell’Inter. Rapporto di “amore e odio” tra i due con il Trap che faceva il finto sergente di
ferro con lui, concedendogli privilegi che altri non potevano permettersi perché poi il francese in campo gli
faceva vincere le partite. Al posto del Trap arrivò Rino Marchesi dal Como con La Juventus che chiuse la
stagione al secondo posto staccata di tre punti dal Napoli di Diego Armando Maradona. Male anche in
Europa, eliminati agli ottavi dal Real Madrid così come fuori ai quarti in Coppa Italia per opera dei cadetti
del Cagliari. Fu quello il canto del cigno di Michel Platini che con la maglia bianconera sporca, fradicia e

tenuta fuori dai pantaloncini, in un triste 17 maggio 1987 al termine di Juventus Brescia annunciò il suo
ritiro dal calcio giocato all’età di 32 anni. Lo fece sotto una pioggerellina insistente ma utile a velare sia le
sua lacrime che quelle di ogni suo tifoso, con l’intero mondo bianconero consapevole di aver perso forse il
fuoriclasse più fulgido dell’intera storia di Madama. I tifosi presenti sugli spalti del Comunale applaudirono
senza soluzione di continuità un Le Roi emozionato e stanco. Stanco per i sempre più frequenti problemi
fisici ma soprattutto per aver perso la voglia di soffrire, di sudare, di migliorarsi. Non era vecchio, ma
usurato e abulico. Un pittore che aveva terminato i colori necessari a dipingere le sue tele. Aveva sempre
dichiarato che non si sarebbe trascinato sul campo come quei suoi colleghi che non accettavano di uscire di
scena e fu di parola, prendendo tutti in contropiede come era abituato a fare con le difese avversarie.
Esattamente come aveva fatto qualche decennio prima il suo grande Presidente, Giampiero Boniperti, che
una volta deciso di appendere gli scarpini al chiodo dichiarò che non si vedeva nell’invecchiare sul
rettangolo verde. Michel Platini: in teoria regista ma in pratica anche straordinario goleador, laureatosi per
tre anni consecutivi capocannoniere della nostra serie A. Così come Dio esiste come Padre, Figlio e Spirito
Santo ed è quindi presente a noi in tre modi differenti, Michel è stato mezzala, regista e centravanti. Un
fuoriclasse di quelli capaci di cambiare la storia di un intero sport. Elegante, aggraziato nelle movenze,
raffinato nel tocco nobile, elitario, capace di disegnare parabole delicate come il vento, così come di capace
di distendersi in strabilianti e sconfinate cavalcate. Un repertorio il suo fatto sia dal passaggio breve che dal
lancio lungo e millimetrico, di un pensiero rapido e di una capacità di anticipazione che gli consentiva di
segnare in ogni modo: di destro, di sinistro, di testa, di classe, di potenza, su calcio da fermo. Platini con la
maglia della Juventus giocò 222 partite segnando 103 reti tra campionato e coppe. Vinse due scudetti, una
Coppa Italia, una Coppa Intercontinentale, una Supercoppa, una Coppa dei Campioni, una Coppa delle
Coppe, un Mundialito e tre volte il Pallone d’Oro. Più che sufficiente per entrare nella leggenda. Le Roi,
oltre a tutto ciò, ha avuto l’intelligenza di capire che la Juventus non era solo una squadra di calcio ma un
vero e proprio fenomeno sociale, con una cultura e uno stile che ha da sempre contraddistinto i suoi
dirigenti, allenatori e giocatori. Con la stessa consapevolezza di aver fatto la storia di un club unico, fatto di
squadre indimenticabili che hanno scritto alcune delle pagine più belle e importanti del calcio mondiale. La
cognizione che Juventus era ed è sinonimo di passione e amore. La passione che accomuna i milioni di tifosi
bianconeri sparsi per il mondo e l’amore per quella maglia bianconera che significa storia del calcio. Quel
bambino che sognava di diventare come Pelé e invece il destino lo ha portato ad essere Platini. Un
fuoriclasse con un’anima istrionica, un po’ snob e viziata, un perfetto condensato di sarcasmo, acume,
estro, originalità e talento. Signore e signori, Michel Le Roi Platini. Chapeau.