FOSSANO: APRE LA MOSTRA «LEONARDO OPERA OMNIA»

Questo articolo è stato letto 3410 volte

Venerdì 21 settembre a Fossano, ci sarà l’inaugurazione della mostra «Leonardo, Opera Omnia», che propone 17 riproduzioni del genio fiorentino, proposte nelle loro dimensioni reali. L’esposizione, rimarrà aperta al pubblico in tra sedi diverse (Castello degli Acaja, Museo Diocesano e Chiesa della Santissima Trinità), fino al 13 gennaio 2019.


Dopo essere stata ufficialmente presentata, presso il Centro di Produzione TV RAI di Torino, venerdì  21 settembre, apre al pubblico a Fossano, la mostra “Leonardo. Opera Omnia”, in tre sedi differenti, il Castello degli Acaja, il Museo Diocesano e la Chiesa della Santissima Trinità. L’esposizione, rimarra aperta, fino al 13 gennaio 2019.
L’evento, è il secondo appuntamento con i grandi maestri dell’arte italiana dopo l’esposizione dedicata a Caravaggio, ospitata con successo dalla Città degli Acaja nel 2017. Il percorso espositivo, presenta ai visitatori diciasstte riproduzioni di altrettante opere di Leonardo, scelte tra le più rappresentative del suo percorso artistico del genio fiorentino e proposte nelle loro dimensioni reali. Acquisite, con il contributo di numerosi fotografi professionisti e successivamente sottoposte a controllo e restyling, le riproduzioni sono conformi agli originali e in altissima risoluzione. Saranno, inoltre, dotate di un sistema di retroilluminazione sofisticato che, permetterà di regolare l’intensità luminosa e la temperatura di colore, in modo da garantire una resa ottimale nei diversi ambienti.
La mostra sull’opera di Leonardo, nasce da una riflessione sul tema della fruibilità dei capolavori dei grandi maestri, ovvero organizzare mostre monografiche, in quanto le opere, sono disperse in musei, chiese e collezioni private di tutto il mondo. L’utilizzo di riproduzioni della stessa dimensione degli originali permette, invece, la possibilità di godere dell’opera pittorica di un grande autore in un unico spazio espositivo e la rende così accessibile ad un pubblico più ampio.
LEONARDO DA VINCI – Nacque il 13 Aprile 1452, ad Anchiano, frazione di Vinci. Quando il padre, il notaio ser Piero da Vinci, si trasferì a Firenze, mise il figlio nella bottega di Andrea del Verrocchio, in quegli anni laboratorio di sperimentazioni figurative d’avanguardia e centro di attrazione per intellettuale ed artisti. Nel 1470 Leonardo, diciottenne risulta iscritto nella corporazione fiorentina dei pittori. Nel 1478, la Signoria di Firenze gli affida l’esecuzione di una perduta tavola per la Cappella di San Bernardo in Palazzo Vecchio. Gli anni fra il 1469 e il 1476, furono decisivi e rimarranno indimenticabili per il giovane pittore. Nel 1481 i frati agostiniani di San Donato a Scopeto, gli affidano la pala con l’Adorazione dei Magi oggi agli Uffizi, un’opera che il maestro lasciò incompiuta perché si trasferì a Milano al servizio del duca Ludovico il Moro. Per il signore di Milano, fra il 1495 e il 1497, Leonardo lavora al celebre Cenacolo nel refettorio di Santa Maria delle Grazie, fornisce apprezzate consulenze di ingegnere idraulico e di ingegnere strutturista (progetti per il tiburio del Duomo, 1487-90) ma anche spettacoli teatrali (1490 nel Castello Sforzesco) e, nel 1491, la giostra per le nozze di Ludovico il Moro con Beatrice d’Este. A Firenze, è incaricato di dipingere nel Salone dei Cinquecento in competizione con Michelangelo la Battaglia di Anghiari (1504), poi come ingegnere militare al seguito di Cesare Borgia nelle sue campagne di conquista in Romagna, poi nella Roma di Leone X (1513) con residenza in Belvedere, protetto dal Magnifico Giuliano de’ Medici, infine, avendo accettato l’invito del re di Francia, ad Amboise dove muore, ospitato nel Castello di Cloux, il 2 maggio del 1519. Se noi consideriamo la produzione pittorica di Leonardo attraverso una attività professionale lunga cinquant’anni, ci accorgiamo che le opere sicuramente uscite dal suo atelier ed arrivate fino a noi.
Parallelamente alla mostra, saranno organizzati numerosi eventi collaterali, che vedranno coinvolti i partner dell’iniziativa, le realtà culturali, associative e le scuole del territorio, in grado di completare con input differenti l’esperienza della figura leonardesca. Il calendario completo degli eventi collaterali sarà presto disponibile sui siti www.visitfossano.it e www.fondazioneartea.org.
Info: Orari. venerdì 15.00 -19.00; sabato, domenica e festivi dalle 10.00-19.00. Biglietti: intero € 8,00; ridotto € 5,00; scuole € 2,00.
Immagini Autorivari Studio Associato
1. L’Annunciazione – Firenze, Uffizi
2. Il Cenacolo – Milano, Refettorio di Santa Maria delle Grazie

Questo articolo è stato letto 3410 volte

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Paolo Rachetto

Paolo Rachetto. Giornalista. Direttore Responsabile Notizie Piemonte

Copyright © 2017 SignoraMiaCalcioNews.com - PRIVACY POLICY - COOKIE POLICY