Dopo la cocente sconfitta in Supercoppa italiana contro l’Inter ai tempi supplementari, è già ora di rituffarsi nel campionato, l’impegno certamente non è dei più proibitivi, l’Udinese non è certo squadra di vertice, ma le sconfitte maturate contro le cosiddette piccole in questo campionato, devono far riflettere e mantenere alta la concentrazione.

Vedremo se Mister Allegri sarà bravo a far dimenticare ai ragazzi la sconfitta e aiutarli a concentrarsi sul match casalingo di domani sera all’Allianz Stadium alle 20.45 contro i friulani; andiamo dunque a sentire cosa avrà detto il tecnico livornese nella consueta conferenza stampa della vigilia.

Che reazione vuole vedere e che partita deve fare la Juve?

“Non è questione di reazione, la Supercoppa è una partita secca, il campionato è un percorso diverso, domani affrontiamo una squadra fisica che difende molto bene, sarà una partita diversa da quella con l’Inter e con la Roma, bisognerà avere pazienza, fare una partita di grande precisione tecnica cercare di vincere, cercare di invertire i risultati che sono stati finora con le squadre piccole.”

Domani spazio per i giovani specie Kaio Jorge?

” domani ci saranno dei cambiamenti perché abbiamo giocato 120 minuti a distanza di 2 giorni, venivamo dalla partita di Roma e 2 giorni prima avevamo giocato con il Napoli in casa. Fortunatamente stiamo tutti abbastanza bene, a parte Danilo che non si è ripreso e Bonucci che nell’allenamento di ieri ha avuto un risentimento e lo avremo dopo la sosta. ”

Arthur rimane o va via?

” l’ho già detto, la rosa della Juve è questa, con questi giocatori dobbiamo arrivare alla fine della stagione nei migliore dei modi, vale a dire entrare nei primi quattro posti, andare avanti in Champions, martedì poi abbiamo la coppa Italia quindi bisognerà rimanere concentrati su queste cose, stiamo crescendo come squadra, stiamo lavorando con il massimo impegno per cercare di ottenere il massimo dei risultati, dobbiamo solo rimanere sereni.”

Quanto è il gap con i nerazzurri?

” ho detto che l’Inter è la squadra più forte del campionato continuando quello che ha fatto la scorsa stagione, poi gli scontri diretti in una partita secca sono storia a sé, noi dobbiamo essere bravi nelle piccole partite perché sono diverse, mancano gli spazi, c’è meno attenzione e su questo dobbiamo essere bravi, la squadra sta mettendo tutto l’impegno massimo per ottenere i risultati, la Juve lo ha dimostrato anche l’altra sera, in una partita dove all’inizio eravamo nettamente sfavoriti, la squadra ha fatto molto bene sotto l’aspetto dell’impegno, poi dovevamo migliorare nel momento decisivo della partita cioè quando siamo andati in vantaggio, abbiamo avuto delle situazioni da sfruttare meglio, l’attacco alla porta, potevamo costruire meglio delle azioni negli ultimi 30 metri, ma questo piano piano ci arriveremo. La squadra ha fatto bene contro un’ottima Inter, dispiace per aver preso gol al 120°, ma la prestazione non cambia il giudizio sulla squadra.”

Su Dybala si può costruire un progetto futuro?

” delle valutazioni e i contratti sono cose della società, a me non interessa nulla, per quanto riguardala valutazione tecnica di Dybala, l’ho cresciuto, è arrivato dal Palermo che era un bambino, ha acquisito esperienza, è un giocatore straordinario che ha qualità e tecnica, causa infortuni nella prima parte di stagione lo abbiamo avuto poco, ma nella seconda mi aspetto molto in fase realizzativa e di prestazione, il valore non si discute, è un grande giocatore.”

Luca Pellegrini come sta e domani giocherà dall’inizio?

“Luca Pellegrini è pronto e domani potrebbe giocare dall’inizi, Cuadrado rientra dalla squalifica, De Sciglio e Alex Sandro hanno fatto una buona partita, purtroppo Alex ha commesso quell’ingenuità a fine partita ma ha fatto una buona partita sotto l’aspetto difensivo che era tanto che non vedevo.”

Szczesny e Kulusevski

” Szczesny rientra, ho il dubbio Kulusevski Bernardeschi, hanno fatto entrambi una buona partita, domani i cambi devono determinare la partita, ne abbiamo cinque e dovrò vedere di miscelarli.”

Potrebbe essere un problema affidarsi a giocatori il cui futuro è da scrivere?

” bisogna andare in campo e fare, magari ci sono giocatori che vogliono cambiare aria, però fino alla fine devono giocare bene, perché se giochi male non trovi contratto ne dalla Juve ne da nessun’altra squadra, se giochi bene ti metti nella posizione di forza nei confronti della società in cui giochi e in quella che ti viene a chiamare, comunque fino a che sono dentro devono dare il massimo.”

McKennei punto fermo? E su Dybala le schermaglie pubbliche danno fastidio alla serenità dell’ambiente?

” Arrivabene ha parlato a nome della società, dove ha detto che al momento siamo fuori dalla Champions e quindi le valutazioni verranno fatte a marzo aprile,  credo sia un discorso di programmazione,  noi dobbiamo solo pensare a giocare e a fare bene. McKennie è cresciuto, è migliorato, può migliorare ancora come tutta la squadra, l’importante è capire che non possiamo giocare partite sotto ritmo, dobbiamo giocare partite con rispetto dell’avversario. ”

Chiellini o Rugani? Domani sono 300 panchine con la Juve, quale partita è stata indimenticabile?

” quella di Madrid, anche se siamo stati eliminati è stata meravigliosa, poi quella di Monaco, a Londra con il Tottenham, ma quella di Madrid è stata la migliore. Chiellini non gioca, DeLigt e Rugani. ”

Qual’é la differenza tra Juve e Inter?

“L’Inter è la squadra più forte del campionato, poi quando gioca le partite secche viene fuori l’orgoglio della Juve che non è mai morta, l’altra sera ha fatto una partita di orgoglio e tecnica, ha interpretato bene la partita, alla fine l’errore di Alex Sandro non se lo aspettava nessuno, comunque alla lunga se l’Inter è davanti è perché è la più forte. ”

Rabiot gioca domani e se è soddisfatto di questo inizio 2022?

Rabiot che è stato criticato, ha fatto una buona partita, ha fatto un 1 contro 1 con Barella a tutto campo e l’ha messo in difficoltà. Rabiot è un giocatore votato al sacrificio, ha corso molto e si è messo a disposizione della squadra.”

Non c’è un po’ di nervosismo dopo gli ultimi due fatti accaduti?

Io in 20 anni sono stato squalificato 2 volte,  con il Napoli ho sbagliato,  capita. Bonucci ha pagato la multa e il caso credo sia chiuso. Abbiamo sempre tenuto dei comportamenti corretti verso gli altri. ”

Questo è ciò che ha detto Mister Allegri, quindi attenzione alle piccole partite che possono essere pericolose, appuntamento a domani sera e come sempre #FINOALLAFINEFORZAJUVENTUS.