LA JUVE ELIMINA TORO E MIHAJLOVIC E ASPETTA GASPERINI

Questo articolo è stato letto 337 volte

Non serviva una grande Juve ma una Juve in grado di passare un turno di una competizione che rientra nei programmi di conquista di inizio stagione. La squadra di Allegri si aggiudica il passaggio alle semifinali di coppa Italia con goal di Douglas Costa e Mandzukic e dunque affronterà l’Atalanta vincente al san Paolo contro il Napoli.

Nella notte una delegazione di giocatori del Torino, capitanata da Bellotti si è recata da  Sinisa Mihajlovic che era da poco rientrato in hotel per salutare il tecnico che un paio d’ ore dopo la gara contro la juventus ha ricevuto il benservito dalla società. A subentrare a Sinisa Mihajlovic sarà, con ogni probabilità Mazzarri che nel caso farebbe ritorno in Italia dopo un lungo girovagare. Mihajlovic è stato informato dal ds Petrachi incaricato dai vertici alti della società granata.

La Juventus dunque in un sol colpo elimina dalla corsa alla coppa Italia Torino e tecnico giocando una gara senza troppa fatica al cospetto di un toro generoso ma poco incisivo. Solo un palo per i granata e l’intervento della VAR trasmettono qualche emozione in più ad una gara tutt’altro che elettrizzante. Si è sentita poco la tensione del derby della Mole sicuramente lontano parente da quelli che facevano tremare il simbolo del capoluogo piemontese. Allegri ha proposto sin dall’inizio Dybala con Mandzukic (autore del goal contestato) e Marchisio. Nella ripresa è subentrato Higuain ma solo per scaldarsi i muscoli. L’effetto VAR questa volta non è stato deleterio per la Juventus ma solo rassicurante a un intervento di Khedira su Acquah che tocca prima la palla e mette tutti a tacere. Questa risultante avrebbe scatenato le fortissime reazioni del tecnico granata mandato prematuramente negli spogliatoi dopo un attacco verbale all’arbitro Valeri di Roma.

Ora per la Juventus è solo un normale proseguimento ambizioso partecipare alla competizione spesso odiata o reputata “d’intralcio” ma poi rivalutata a fine stagione. Per i campioni d’italia è comunque importante esserci. Dall’altra parte del girone la lazio affronterà il Milan ed un’eventuale successo dei biancocelesti riproporrebbe ancora una volta il confronto ormai da copione tra Allegri e Simone Inzaghi quello che in molti definiscono il successore del tecnico livornese.

Nota positiva per l’intera squadra che pur facendo una gara senza eccessivo stress emozionale ha tuttavia confermato che la compagine di Allegri c’è e che il suo stato di crescita annunciato è già in atto.

Questo articolo è stato letto 337 volte

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Marco Arakem Venditti

Direttore: signoramiacalcionews - Forza Juve rete 7 tv - Signora Mia radiocalcio24 Milano. Ideatore e conduttore trasmissioni radio - televisive - radiocronista/telecronista.

Copyright © 2017 SignoraMiaCalcioNews.com - PRIVACY POLICY - COOKIE POLICY