Ten Hag
Il tecnico dei Lancieri Ten Hag: “Loro sono favoriti, dobbiamo superarci. Se giochiamo bene ce la possiamo fare”.

Poco più di 24 ore ci dividono dal match di ritorno dei Quarti di Champions League, Juventus ed Ajax si giocheranno l’accesso alle Semifinali all’Allianz Stadium dopo l’1 ad 1 di Amsterdam.

Nella foto: Erik Ten Hag

Ten Hag: De Jong giocherà? Se il rischio è troppo grosso no

Come da tradizione, l’allenatore degli olandesi Erik Ten Hag, risponde ai cronisti nella conferenza stampa della vigilia. La probabile formazione e la possibilità che De Jong sia schierato a pochi giorni dall’infortunio i temi salienti, oltre all’idea di un Ajax determinato ad eliminare i bianconeri. Ecco nello specifico le parole del tecnico:

“Su Ronaldo non ci sarà nessuno ad uomo in marcatura, non lo facciamo mai. Loro sono favoriti, dobbiamo superarci. Se giochiamo bene ce la possiamo fare. La Juve è diversa dal Real Madrid, hanno una cultura del calcio diversa.

De Jong giocherà? Se il rischio è troppo grosso non lo facciamo, il giocatore deve decidere da solo, io non sono nel suo corpo, dipende da come si sente, ascolterò il calciatore, poi io prenderò una decisione. Lui è sempre positivo, anche nella vita, non solo nel calcio. Dobbiamo vedere ancora come sta realmente.

L’allenamento non è importante, non lo testeremo per la partita, non sarà comunque un test intensivo. Allegri è molto preparato, dobbiamo pensare che faranno qualcosa di diverso rispetto all’andata. Ad Amsterdam siamo stati in controllo ma non siamo stati efficienti, abbiamo segnato un solo gol. Loro giocheranno molto bassi comunque. Credo che la Juve cambierà qualcosa e noi dobbiamo migliorare.

Dobbiamo segnare qui a Torino, lo sappiamo bene. Noi siamo una squadra giovane, ma giochiamo come adulti. L’abbiamo visto la settimana scorsa e anche contro il Real. Abbiamo superato limiti e dobbiamo farlo anche domani. C’è qualcosa di Guardiola nella filosofia dell’Ajax? Guardiola l’ha ricevuta da Crujff quella filosofia, deriva dunque dallo stesso Ajax.

De Jong già del Barcellona? Non influenzerà la sua scelta, questa è una stagione importante e noi vogliamo andare lontano, a quello che accade l’anno prossimo ci pensiamo l’anno prossimo. Arrivare in semifinale di Champions League sarebbe fantastico, è già tanto arrivare qua eliminando il Real, ma domani vogliamo un’altra grande notte.

Non credo che De Light sarà influenzato. E’ molto giovane ma ha esperienza. Lui farà di tutto per l’Ajax. Non posso rispondere sul futuro, non ho idea di dove giocherà. Il calcio è un gioco complesso. Siamo migliorati nelle due fasi ed è cambiata la nostra mentalità. Stiamo giocando bene, fisicamente la squadra è a posto, tanto dipende dalla testa e in testa siamo freschi. A inizio stagione non avremmo pensato di essere a questo livello ma ci siamo sviluppati molto. Possiamo competere con questi giganti, domani possiamo arrivare ad un buon risultato.

Ora anche noi siamo giganti. Eventualità dei rigori? Non dipende contro chi giochi, noi proviamo sempre i rigori in allenamento, sappiamo come tirare, sappiamo come tirano loro ed abbiamo un portiere che para i rigori che è qui accanto a me. Tagliafico qui nonostante la squalifica? Tutti i giocatori della rosa sono benvenuti. Lui voleva venire ed è stata una buona idea. Lui può motivare, è un giocatore importante in campo e fuori. Anche nell’aggressività è importante che i giocatori lo siano in campo. E’ tutto rivolto al dinamismo della squadra. Tra il riscaldamento e l’inizio della partita parliamo un po’ dei tagli, però tante volte più di cose mentali. Ci diciamo in bocca al lupo, ci carichiamo, così possiamo entrare in campo fieri e col petto in fuori. E questo lo fa anche lo staff che motiva tutti i calciatori”.

Ph. Giuliano Marchisciano / One + Mine Images