di Simone Dell’Uomo

Sorrisoni per le italiane in Europa League. Inter in scioltezza, battuto 2-0 in trasferta il Ludogorets, risultato che sarebbe potuto esser anche più ampio. Ma ciò che più conta è che si sblocca Eriksen, sorride la dirigenza nerazzurra, finalmente danese al centro di tutte le manovre. Buon turnover, ma raddoppia sempre Lukaku. 

Vince anche la Roma, il che forse rappresenta la notizia. All’Olimpico solo 1-0 sul piccolo Gent, decide Carles Perez, il nuovo acquisto, che bagna alla grande il suo debutto dal primo minuto all’Olimpico. Poteva arrivare il raddoppio, ma poteva pure arrivare il pari: movimenti difensivi e meccanismi da oliare di nuovo, serve ricrescere dopo un inverno disastroso. E Fonseca esulta raggiante, perchè tira chiaramente un bel sospiro di sollievo. 

SORRISONI OLTREMANICA Benissimo le inglesi ai sedicesimi d’Europa League. Già, benissimo tutte, tranne il Man United, incapace di andare oltre il pari, 1-1, in quel di Brugge. Ci si aspettava qualcosa di più, senz’altro, ma a meno di un clamoroso colpo esterno nerazzurro la qualificazione non appare in discussione. Apre addirittura Dennis, pareggia Martial, ma i tifosi rossi in trasferta si aspettavano senz’altro qualcosa in più. Colpo esterno però pesante per l’Arsenal di Arteta che, lontana dal quarto posto in Premier, punta a tornare in finale: partita brutta in Grecia, ma alla fine 1-0 sull’Olimpiakos, timbra Lacazette. Stupendi, assolutamente maestosi, i Wolves di NES, acronico di Nuno Espirito Santo: tripletta di Jota, mezza punta coi fiocchi, e 4-0 all’Espanyol. Missione ottavi completata, straordinari lupi, realtà che continua a sognare. Tra le britanniche da segnalare in Scozia anche la rimontona dei Rangers di Steven Gerrard, che sotto 2-0 riescono nell’impresa impossibile e ribaltano nella ripresa il Braga: 3-2, adesso sono addirittura favoriti. Buon pari pure del Celtic a Copenaghen: 1-1. 

PORTOGHESI A proposito di Braga e di calcio portoghese, a Lisbona sorride solo lo Sporting: 3-1 sui turchi dell’Instanbul Basaksehir, Benfica sconfitto 2-1 a Donetsk con lo Shakhtar. Perde pure il Porto, battuto 2-1 in Germania nel big match col Leverkusen, ma l’impressione è anche qui i verdetti restino tutti aperti. 

SPAGNOLE OK Bene le spagnole: minimo indispensabile per il Siviglia di Suso, 1-1 a Cluj; molto meglio la favola Getafe, terza forza del campionato nonostante umile periferia di Madrid, battuto 2-0 l’Ajax grazie ai gol di Davyerson e Kenedy. 

SORPRESE In chiusura Basilea di gran carriera, 3-0 a Nicosia; piccolo vantaggio del Wolfsburg che batte 2-1 il Malmo, 4-1 dell’Eintracht di Francoforte su un Salisburgo troppo orfano di Minamino e Haland, 1-1 tra le matricole AZ e Lask.