JUVE NON FARE COME CON IL SASSUOLO

(di Massimiliano Fantasia)
Vincere a San Siro contro il Milan e avere una settimana di tempo per preparare la partita successiva a differenza di tutte le altre pretendenti al titolo che  in settimana hanno dovuto affrontare le coppe europee che si sa tolgono molte energie sia fisiche che mentali. Questa e’ un po la situazione con cui dovrà convivere la juve quest anno e che alle lunghe potrebbe darle qualche vantaggio,  ma che juve vedremo contro l Hellas rispetto a quella che ha superato brillantemente l esame Milan? Stessa cosa era successa dopo la bella e convincente vittoria ai danni della Lazio. In quel caso, ci fu il Sassuolo ad aspettare i bianconeri al varco e tutti mi sembra ci ricordiamo bene come andò a finire quel pomeriggio. Alla vigilia di Juve-Verona, Allegri è tornato a parlare  di quella sconfitta perché qualcuno è volutamente ritornato sul tema durante la conferenza stampa di oggi facendo una domanda in merito, ma da parte sua Allegri, è forse stato anche contento  di affrontare questo tema,perche’ se ce ne fosse ancora bisogno,ha potuto mettere sull’attenti ancora una volta  la squadra perché una vittoria come quella ottenuta a San Siro può fare tanto, classifica darti morale regalarri autostima, ma bisogna saper prenderla nel modo giusto,con la dovuta umiltà, se la si prende nel  modo sbagliato può finire per essere solo l abbaglio di un attimo, e in quel caso, se non si ha la testa ricadere in vecchi errori e la cosa più facile.Euforia, la parola chiave che ancora una volta ha accompagnato la settimana della Juventus,come già era stata utilizzata nel giorno precedente la gara del Mapei Stadium, a proposito di paragoni. Una prova, quella contro il Verona, che farà capire se la squadra è effettivamente cresciuta, sul lato tecnico ma soprattutto, in questo caso, dal punto di vista mentale.

Anche perché, srmpre a proposito di similitudini, la Juve  può tornare, almeno per una notte, ad essere prima in classifica.A Reggio Emilia, contro il Sassuolo la stessa impresa fallì in modo impietoso, adesso c’è una seconda opportunità, certo non puo’ avere altro che un significato di poco conto ma per i bianconeri sarebbe un modo per mettere pressione sulle spalle di Milan ed Inter, impegnate con rispettivamente a Napoli e a Milano contro la Roma. Rispetto a quella Juve, quella delle ultime partite somiglia molto di più alla squadra solida, compatta che il tecnico chiede da sempre alle sue formazioni.Domani qualche differenza se andiamo a vedere  c è,ad esempio cosa non di poco conto, la juve gioca in casa. Ci sarà l’aiuto del pubblico che sappiamo quanto possa essere decisivo quando vuole. Un motivo in più per credere che questa volta la squadra non sbaglierà.