Si conclude stasera con il posticipo Cagliari Bologna, la 21esima giornata del campionato di serie A, spalmata su più giorni per via della pandemia che sta creando grossi problemi in qualunque campo, e il calcio non è da meno con gare rinviate da recuperare chissà quando.

Ma andiamo per gradi e vediamo cosa è successo in questo turno. Si è iniziato con il lunch time tra Venezia e Milan, partita vinta dai rossoneri per 3-0, già in gol dopo un paio di minuti con Ibra, nel secondo tempo i rossoneri chiudono la gara con una doppietta di cui un gol su rigore di Theo Hernandez, rigore molto criticato dai lagunari ma tant’è il risultato sorride all’undici di Mister Pioli che rimane saldamente al secondo posto con 45 punti, nella scia dell’Inter. Alle 14.30 ad Empoli, i toscani hanno ricevuto la visita del Sassuolo che ha maramaldeggiato al Castellani vincendo facilmente con un punteggio che non lascia adito a repliche: 5-1 il finale per gli emiliani, con due doppiette di Scamacca, oggetto del desiderio di molte squadre e di Raspadori. Altre due partite disputate nel pomeriggio alle 16.30, il Napoli ha ospitato la Sampdoria al Diego Armando Maradona, i partenopei hanno avuto la meglio regolando i blucerchiati di misura con un gol di Petagna che ha regalato i tre punti al Napoli che in questo modo conserva la terza piazza in solitaria. L’altra partita è stata giocata alla Dacia Arena tra i padroni di casa dell’Udinese e gli ospiti dell’Atalanta; punteggio tennistico in favore dei bergamaschi che hanno superato agevolmente i friulani per 6-2, anche qui si sono registrate due doppiette: Muriel e Pessina gli autori di 4 dei 6 gol.

Alle 18.30 si sono giocate altre due partite, la prima il derby ligure tra il Genoa e lo Spezia, vero e proprio scontro salvezza che ha visto uscire vincitrice la squadra allenata da Thiago Motta per 1-0, ennesima sconfitta per i rossoblù che paiono destinati mestamente ad una quasi certa retrocessione in serie B, l’altro incontro è stato il big match disputato all’Olimpico tra la Roma e la Juventus. La partita è stata un susseguirsi di emozioni con un finale da cardiopalma: 4-3 per i bianconeri il risultato finale, ma l’incontro non ha lesinato colpi di scena. A 20 minuti dal termine, i giallorossi conducevano 3-1 una partita che sembrava destinata a concludersi con la vittoria dei padroni di casa, ma il dio del calcio si è voluto divertire sparigliando le carte e nel volgere di 7 minuti, la Juventus è riuscita a rimontare da 1-3 a 4-3. Ma le emozioni non sono ancora finite, perché a 10 minuti dal termine l’arbitro Massa decreta un calcio di rigore per la Roma per fallo di mano e conseguente espulsione di DeLigt, sul dischetto si presenta Pellegrini che poco prima aveva realizzato la rete del 3-1 con una splendida punizione, ma stavolta il romanista si fa ipnotizzare da Szczesny che neutralizza il tiro dagli 11 metri, sancendo di fatto la vittoria dei bianconeri.

alle 20.45 si sono giocate altre due partite, al Bentegodi di Verona, la Salernitana è stata corsara sconfiggendo i padroni di casa per 2-1, boccata d’ossigeno per i campani che comunque rimangono ultimi con 11 punti; a San Siro invece la capolista Inter ha ricevuto la Lazio, il  risultato finale è stato di 2-1 per i nerazzurri che nonostante un solo gol di scarto, ha condotto abbastanza agevolmente la partita, sancendo di fatto la superiorità della squadra allenata da Simone Inzaghi.

Ieri sera alle 17 recupero della partita che avrebbe dovuto disputarsi domenica tra il Torino e la Fiorentina, partita senza storia che ha visto i granata liquidare con un perentorio 4-0 la formazione allenata da Vincenzo Italiano, con una doppietta del giovane Brekalo. Ultimo incontro in programma della giornata, è andato in scena alla Unipol Domus di Cagliari tra i rossoblù padroni di casa e l’altra squadra rossoblù del Bologna. Il risultato finale ha visto prevalere i padroni di casa per 2-1, quando tutto sembrava lasciare presagire ad un pareggio, Pereiro al terzo minuto di recupero ha segnato la rete che ha dato la vittoria ai sardi che con questa vittoria si portano a ridosso del Venezia ad un solo punto dal quart’ultimo posto e riaprono i giochi per la salvezza.

Ma vediamo nel dettaglio i risultati

Venezia – Milan              0-3  Ibrahimovic (M) al 2°, Theo Hernandez (M) al 48° e 59 (rig)

Empoli – Sassuolo          1-5  Berardi (S) (rig.) al 13, Henderson (E) al 16, Raspadori (S) al 24° e 71°, Scamacca (S) al 67° e 92°

Napoli – Sampdoria       1-0 Petagna (N) al 43°

Udinese – Atalanta         2-6 Pasalic (A) al 17, Muriel (A) al 22° e 76°, Malinovsky (A) al 43°, Djimsiti (U) al 59°, Beto (U) al 88°, Maehle (A) al                                                    89°, Pessina (A) al 92° e 93°

Genoa – Spezia                0-1 Bastoni (S) al 14°

Roma – Juventus            3-4 Abraham (R) al 11°, Dybala (J) al 18°, Mkhitaryan (R) al 48°, Pellegrini (R) al 53°, Locatelli (J) al 70°, Kulusevski                                                    (J) al 72°, De Sciglio (J) al 77°, rigori sbagliati: Pellegrini (R) al 83°

Verona – Salernitana     1-2 Djuric (S) al 29°, Lazovic (V) al 63°, Kastanos (S) al 70°

Inter – Lazio                    2-1 Bastoni (I) al 30°, Immobile (L) al 35°, Skriniar (I) al 67°

Torino – Fiorentina       4-0 Singo (T) al 19°, Brekalo al 23° al 31°, Sanabria (T) al 58°

Cagliari – Bologna          2-1 Orsolini (B) al 54°, Pavoletti (C) al 71°, Pereiro (C) al 93°

La classifica dopo la seconda giornata del girone di ritorno è la seguente:

Inter 46, Milan 45, Napoli 43, Atalanta 41, Juventus 38, Roma, Fiorentina e Lazio 32, Torino, Sassuolo e Empoli 28, Bologna e Verona 27, Udinese e Sampdoria 20, Spezia 19, Venezia 17, Cagliari 16, Genoa 12, Salernitana 11.

Inter, Atalanta, Fiorentina Bologna, Torino e Venezia 1 partita in meno, Udinese e Salernitana 2 partite in meno

Sabato di nuovo in campo per la 22esima giornata che sarà spalmata su tre giorni e si concluderà lunedì alle 20.45 con Fiorentina Genoa, quindi appuntamento a settimana prossima con la rubrica la finestra sul mercato.