di Simone Dell’Uomo
Ultime ore febbrili, eccitanti, poi basta, si tirererà dritto fino a fine stagione. Ultime ore per riparare il riparabile, per puntellare la rosa e chiudere gli ultimi affari e poi Game Over, fine dei giochi.  Per la Juve, saltato lo scambio De Sciglio – Kurzawa col Psg, resta solo da capire se andrà effettivamente in porto l’affare Emre Can – Borussia Dortmund. Come la nostra redazione vi aveva anticipato qualche giorno fa, il centrocampista tornerà in Germania, chiuso ormai da Sarri. Paratici percepirà circa 30 milioni più bonus: operazione capolavoro, plusvalenza enorme per un calciatore preso a zero soltanto qualche estate fa, addio ad uno degli stipendi più impegnativi della rosa bianconera. Emre lascerà dunque la Juve, sta svolgendo le visite mediche col Dortmund, si attende solo l’annuncio ufficiale. 
NIENTE GIROUD Niente Olivier Giroud per il calcio italiano. Alla fine il 33enne campione del Mondo resta al Chelsea, nonostante riserva, nonostante poco minutaggio. Lampard ha deciso di non privarsi di un calciatore potenzialmente utilissimo di qui a fine stagione. Niente Tottenham (rivale in Premier), niente Newcastle, ma soprattutto niente Inter e niente Lazio, fallito pure l’assalto biancoceleste, evidentemente negativo il viaggio del ds Tare a Londra. Da capire se i biancocelesti adesso ripiomberanno su possibili alternative. 
PUNTA INTER L’ l’Inter ripiegherebbe su Zaza (che Conte conosce molto bene) o addirittura su Slimani, nome meno sexy ma per caratteristiche meno simile e più agevole da prendere. Il ragazzo ha concluso la sua fallimentare esperienza in prestito al Monaco e da Leicester cerca una nuova esperienza: su di lui anche United, Newcastle, Tottenham, ultima scelta di tutte squadre che potenzialmente oggi cercheranno fino alla fine una prima punta. Verrebbe per far panchina, accetterebbe volentieri meno minutaggio, a differenza di Olivier Giroud. 
ADDIO PIATEK Il Milan saluta definitivamente anche Piatek, dopo Suso passato al Siviglia. Stupore, se pensiamo a come le cose nel calcio possano cambiare così velocemente. L’estate scorsa erano i loro tasselli di maggior spicco, oggi esuberi: quant’è cambiato il Milan con l’avvento di Ibra! Piatek lascia direzione Berlino: ha firmato con l’Hertha, unico club in grado di sganciare i soldi veri, 28 milioni nelle casse rossonere. Per lui un ridimensionamento, ma la possibilità netta e concreta di giocare dal primo minuto e conquistarsi uno slot per Euro 2020. Movimenti in entrata comunque anche per il Milan: Partito Rodriguez direzione Eindhoven, il Milan ha preso il nuovo terzino sinistro: una scommessa, ma affascinante. Arriva infatti Robinson dal Wigan, fluidificante interessantissimo ma pur sempre proveniente dalla terza serie britannica: arriverà per 10 milioni, investimento non da poco. Atterrato, visite mediche e firme: adesso si attende davvero solo l’ufficialità. E per sostituir Suso arriva pure Saelemaekers, esterno dell’Anderlecht: altro giovane, altro esperimento. C’è Castillejo, ma non può bastare. Staremo a vedere. 
GRIFONE Attivissimo il Genoa: tutto fatto per l’arrivo di Falque ormai da giorni, svolta Masiello con firme e visite, visite pure per Iturbe, altra ala offensiva, vecchia conoscenza del calcio italiano, un cavallo di ritorno in cerca di riscatto. Arriva dal Pumas in prestito con diritto di riscatto a 4 milioni, un matrimonio avvenuto 5 anni dopo. In uscita forse Romero: forte l’interesse del Leverkusen.
VIOLA SCATENATI Nonostante fallito l’assalto a Criscito che resterà al Grifone, piazzato proprio negli ultimi minuti un deludente Boateng al Besiktas, Fiorentina scatenata, tra l’altro: dopo aver  preso Duncan (15 più bonus al Sassuolo) e rinforzato la mediana, nella notte ha chiuso per Amrabat dal Verona, che arriverà però solo estate prossima. Contatti sempre più fitti e stavolta decisivi: Setti ha abbassato le richieste, accordo sui 16+2. Verona che ha definito l’arrivo di DiMarco dall’Inter: l’ex Parma costituirà un’altra buona scelta a sinistra. 
 
SCAMBIO Bel colpo anche per la Spal, che nonostante la cessione di Kurtic rinforza il centrocampo con l’arrivo di Castro, proveniente da Cagliari assieme a Cerri, che costituirà la prima alternativa a Petagna da qui fino a fine stagione. Niente Cagliari invece per Pjaca: vicinissimo il trasferimento all’Anderlecht. I sardi completano soltanto lo scambio con la Spal: in Sardegna arriva infatti Alberto Paloschi. 
PARMA Dopo aver perfezionato l’ingaggio di Radu dal Genoa, estremo difensore ormai chiuso da Perin, il Parma ha prelevato un altro calciatore dal capoluogo ligure, stavolta sponda Samp. Si tratta di Gianluca Caprari: battuta l’agguerrita concorrenza, prenderà il posto di Gervinho che presumibilmente lascerà la Serie A.