Dopo aver consumato il cenone di Natale e essere prossimi a quello di capodanno, ci avviciniamo molto speditamente al big match di giovedì 6 gennaio che si giocherà all’Allianz Stadium tra Juventus e Napoli, oppure dovremmo usare il condizionale e dire si dovrebbe giocare? Eh si perché in questi momenti di pandemia, le Asl hanno già dimostrato ( soprattutto quelle campane), di cosa sono capaci di fare.

Le norme della Figc dicono che una squadra per poter rinviare la partita, dovrebbe avere meno di 13 giocare più un portiere disponibili, ma si sa, queste norme evidentemente sono molto opinabili, dato che anche recentemente, la Salernitana è stata fermata dalla Asl di competenza e, di conseguenza è stata impedita la trasferta in terra friulana per via di due giocatori positivi, saliti poi a cinque.

In tutti noi tifosi bianconeri è ancora vivo il ricordo di quel famoso 4 ottobre 2020, quando per due positività nella formazione partenopea, Zielinski ed Elmans, la Asl impedì al Napoli di partire alla volta di Torino, con tutto il bagaglio di critiche che ne seguirono. Inizialmente il giudice sportivo decretò il 3-0 a tavolino in favore dei bianconeri, ma la società di De Laurentis presentò ricorso e alla fine fu  deciso per la ripetizione della gara vinta comunque (sarà stato il karma) dalla Juventus per 2-1.

Alla vigilia della sfida dunque, si ripropone lo stesso problema, la formazione di Spalletti al momento è priva, causa covid, di tre giocatori: Insigne, Fabien Ruiz, a cui si è aggiunto nelle ultime ore Lozano. In tutto questo poi, si intromette la Coppa d’Africa, che verrà disputata dal 9 gennaio al 6 febbraio in Camerun e porterà via al Napoli 4 giocatori: Anguissa per il Camerun, Ounas sarà con la nazionale dell’Algeria, Koulibaly che si aggregherà al Senegal e Osimhen convocato dalla Nigeria.

Alla fine il club partenopeo sarebbe privo di 7 giocatori, un numero nutrito ma, che non inficerebbe su quei 13 giocatori che per regolamento una squadra deve portare per poter disputare la partita, in tutto questo, aggiungiamo noi che, nella sfida dell’andata ci presentammo senza 8 giocatori impegnati con le nazionali in giro per il mondo più Federico Chiesa infortunato, ma nessuno ha creato problemi oppure chiesto rinvii, siamo scesi in campo e abbiamo giocato con chi era a disposizione. Ma si sa che la classe non è acqua e a pensar male si fa peccato ma spesso si indovina.

P.S. Notizia dell’ultima ora, sembrerebbe che Insegne e Fabian Ruiz si siano negativizzati, una brutta notizia…per il Napoli oseremmo dire, perché un solo negativo non permetterebbe il rinvio della partita e, i convocati per la Coppa d’Africa non sono facenti parte delle indisponibilità per covid .