JUVE PROBLEMI IN DIFESA SI PASSA AL 4-4-2 ?

(di Massimiliano Fantasia)

In  vista del delicato  match di domenica sera contro il Milan la Juve deve fare i conti con una vera e propria emergenza nel reparto arretrato, già orfano di Alex Sandro,che ne avrà per almeno un altro mese,a San Siro  dovrà rinunciare  anche a capitano Danilo, che non rivedrà il campo almeno fino alla prima decina di novembre. A disposizione di Max Allegri a questo rimangono  solamente Daniele Rugani, Federico Gatti e Gleison Bremer, tutti destri e per nulla abituati a giocare da braccetti a sinistra. E allora che si fa? Considerando che  l’ipotesi di schierare da titolare il 18enne Dejan Huijsen a San Siro sembra abbastanza azzardata, la soluzione più praticabile potrebbe essere il passaggio al 4-4-2 gia’ provato nelle passate settimane e tornato utile anche in occasione del derby contro il Torino, a partita in corso

 Anche con questo modulo uno dei tre difensori disponibili dovrebbe adattarsi a stare sul centrosinistra, ma in una posizione nettamente più defilata grazie alla presenza di un compagno più a sinistra sulla stessa linea. Il candidato principale a  fare il centrale di sinistra in questo momento sembrerebbe essere Daniele Rugani,ma non è da escludere nemmeno la soluzione Bremer se Massimiliano Allegri finisse per scegliere di giocare con il brasiliano e Gatti centrali. Nel primo caso l’ex Frosinone agirebbe invece da terzino destro particolarmente difensivo, come nel derby quando la Juve è passata dal 3-5-2 al 4-4-2 dopo una ventina di minuti. È la soluzione più probabile in caso di 4-4-2 con Cambiaso terzino sinistro perché opporrebbe a Leao un difensore puro come Gatti e non uno che il ruolo lo sta studiando come Weah. Quest’ultimo  o in alternativa Weston McKennie  andrebbe a completare la linea di centrocampo con Locatelli, Rabiot e Kostic.Decisivi saranno i prossimi giorni.Da segnalare poi l ipotesi Kenan Yildiz in appoggio a  Dusan Vlahovic che sembra ormai pronto a rientrare,naturalmente questa possibilità sarebbe spendibile in caso del forfait da parte di Federico Chiesa tuttora in forte dubbio.